Il dolore lombare, conosciuto anche come lombalgia, è uno spasmo che interessa la parte bassa della schiena e, in particolare, i tratti lombari e sacrali della colonna vertebrale, in alcuni casi arrivando ad estendersi fino a glutei e gambe, ma anche la zona dorsale.

Quali sono le cause del dolore lombare

Le cause più frequenti sono contratture muscolari dovute a movimenti repentini e scorretti, sforzi eccessivi, ad esempio il colpo della strega.

Per la donna in gravidanza è semplice soffrire di dolore lombare, in quanto l’appesantimento della gestante e l’assunzione di pose involontarie anomale, non aiuta la spina dorsale, né la schiena.

Nell’anziano, questo malessere può dipendere dalla presenza di altre patologie, come l’artrite.

La lombalgia acuta o colpo della strega

Nella sua forma più acuta, ma comunque risolvibile, il dolore lombare può rappresentare non solo un doloroso fastidio, ma anche un motivo di infermità temporanea per il soggetto colpito. Questo disturbo prende il nome di colpo della strega.

Il colpo della strega si presenta in maniera improvvisa, a seguito di uno sforzo o di un precedente dolore lombare non acuto e costringe la persona pressoché immobile.
Urge, in questa situazione, un immediato consulto medico, in modo che sia possibile riprendere quanto prima le attività quotidiane e non si manifestino complicazioni.

Se non curata, il dolore lombare e il cosiddetto colpo della strega possono trasformarsi in lombalgia acuta.

Là dove alla lombalgia si aggiunge, invece, la complicanza della sciatica si va incontro ad una lombosciatalgia.