Skip to main content
Prenotazioni & info: 02.5492511info@ide.it

Emorroidi durante il Parto: Cause, Sintomi e Trattamenti

Le emorroidi durante il parto sono una condizione comune che molte donne possono sperimentare a causa dello sforzo durante il travaglio e il parto.

Le emorroidi sono vene gonfie nella regione anale e rettale che possono provocare sintomi come prurito, dolore e sanguinamento.

Durante il parto, il processo di spinta può aumentare la pressione nelle vene della zona anale, causando o peggiorando le emorroidi esistenti.

Cause delle Emorroidi durante il Parto

Durante il processo travagliato del parto, il corpo della donna si trova ad affrontare una serie di impegnative sfide fisiche e fisiologiche, con una particolare concentrazione di stress e pressione nella delicata area pelvica.

Questo stress può influenzare direttamente lo sviluppo o il peggioramento delle emorroidi, una condizione spesso sottovalutata ma non meno dolorosa e fastidiosa.

Vediamo nel dettaglio come il parto può impattare le emorroidi:

  1. Pressione durante il Travaglio: Durante la fase di spinta del travaglio, quando la donna è impegnata nell’atto di far nascere il bambino, si genera una notevole pressione sulla zona anale. Questo stress può comportare un aumento della pressione all’interno delle vene emorroidarie, provocando gonfiore e irritazione delle stesse. Il risultato può essere un disagio aggiuntivo in un momento già difficile.
  2. Stitichezza: È comune che la stitichezza accompagni la gravidanza e, in alcuni casi, persista anche durante il travaglio. I cambiamenti ormonali e la compressione dell’utero possono rallentare il transito intestinale, portando a feci più secche e dure. Lo sforzo necessario per evacuare le feci può esercitare ulteriore pressione sulle vene anali, facilitando lo sviluppo o l’aggravamento delle emorroidi.
  3. Cambiamenti Ormonali: Durante la gravidanza e nel periodo postpartum, l’organismo femminile sperimenta variazioni significative nei livelli ormonali. Questi cambiamenti possono influenzare la circolazione sanguigna e il tono muscolare, rendendo le vene emorroidarie più suscettibili a gonfiarsi e provocare fastidi. Questo significa che le emorroidi possono essere influenzate non solo dallo sforzo fisico, ma anche da fattori endocrini.
  4. Posizione durante il Parto: La posizione in cui una donna partorisce può influenzare la pressione sulle emorroidi. Ad esempio, la posizione supina, tipica nei parto ospedalieri, può aumentare la pressione nella zona anale a causa della gravità, mentre la posizione accovacciata può distribuire meglio il peso del corpo, riducendo così la pressione sulle vene emorroidarie. Questo dimostra quanto sia importante la gestione delle posizioni durante il travaglio per mitigare eventuali complicanze emorroidali.

Le emorroidi durante il parto possono quindi essere un problema significativo, ma con la giusta consapevolezza e gestione, è possibile ridurre il loro impatto sulle esperienze di parto delle donne.

È fondamentale che le donne si sentano libere di discutere apertamente dei loro sintomi con i professionisti sanitari, in modo da poter ricevere il supporto e il trattamento adeguati.

Sintomi delle Emorroidi durante il parto

Durante il parto, le emorroidi possono manifestarsi con una serie di sintomi che vanno dal lieve al grave, compromettendo il comfort e il benessere della donna in questo momento già impegnativo.

Ecco alcuni segni e sintomi che possono indicare la presenza di emorroidi durante il travaglio e il parto:

  1. Dolore o Disagio Anale: Il dolore è spesso uno dei sintomi più evidenti e fastidiosi associati alle emorroidi durante il parto. Questo dolore può variare da lieve a intenso e può essere localizzato nella zona anale o estendersi anche alla regione circostante.
  2. Prurito Intenso: Il prurito è un altro sintomo comune delle emorroidi durante il parto. Questa sensazione fastidiosa può essere causata dall’irritazione della pelle intorno all’ano a causa del gonfiore e dell’infiammazione delle emorroidi.
  3. Sensazione di Bruciore: La sensazione di bruciore è spesso associata all’infiammazione delle emorroidi durante il parto. Questo sintomo può essere particolarmente pronunciato durante o dopo i movimenti intestinali o durante l’urinazione.
  4. Sanguinamento durante o dopo il Movimento Intestinale: Il sanguinamento è uno dei sintomi più comuni delle emorroidi. Durante il parto, le emorroidi possono sanguinare a causa della pressione esercitata durante la fase di spinta o a causa dello sforzo durante i movimenti intestinali.
  5. Protuberanze o Grumi nella Zona Anale: Le emorroidi possono presentarsi come protuberanze o grumi nella zona anale. Queste protuberanze possono essere interne o esterne e possono variare in dimensioni e gravità. Durante il parto, queste protuberanze possono essere più evidenti a causa della pressione aggiuntiva esercitata sulle vene emorroidarie.

È importante sottolineare che i sintomi delle emorroidi durante il parto possono essere simili a quelli di altre condizioni, quindi è sempre consigliabile consultare un medico o un ostetrico per una corretta diagnosi e un trattamento adeguato.

Inoltre, un adeguato monitoraggio e trattamento delle emorroidi presso un dermatologo esperto può contribuire a migliorare il comfort e il recupero della donna durante questa fase importante della sua vita.

SE DOPO IL PARTO PRESENTI SINTOMI DI EMORROIDI CONSULTA L’ISTITUTO DERMATOLOGICO IDE DI MILANO PER RICEVERE INFORMAZIONI SULLA CURA E IL TRATTAMENTO DELLE EMORROIDI.

Trattamento delle Emorroidi da Parto

Il trattamento delle emorroidi dopo il parto è fondamentale per alleviare il disagio e favorire una rapida guarigione.

Le emorroidi possono essere particolarmente fastidiose dopo il parto a causa dello stress aggiuntivo che il corpo ha subito durante il travaglio e il parto.

Ecco alcune strategie e opzioni di trattamento comuni per affrontare le emorroidi dopo il parto:

  1. Farmaci Topici: Creme, pomate o supposte contenenti ingredienti lenitivi come idrocortisone, lidocaina o aloe vera possono essere applicati direttamente sulla zona anale per ridurre il gonfiore, l’infiammazione e il prurito associati alle emorroidi. È importante seguire attentamente le istruzioni del medico o del farmacista sull’uso di questi farmaci.
  2. Bagni Caldi: Fare dei bagni caldi nell’acqua tiepida può essere molto lenitivo per le emorroidi dolorose. Questo aiuta ad alleviare il dolore e a ridurre il gonfiore. È consigliabile fare bagni caldi per 10-15 minuti più volte al giorno, soprattutto dopo i movimenti intestinali.
  3. Comprese di Ghiaccio: Applicare impacchi di ghiaccio sulla zona anale può aiutare a ridurre il gonfiore e il dolore causati dalle emorroidi. È consigliabile avvolgere il ghiaccio in un panno o in una busta di plastica e applicarlo delicatamente sulla zona interessata per 10-15 minuti alla volta.
  4. Aumento dell’Assunzione di Fibre: Mantenere una dieta ricca di fibre può aiutare a prevenire la stitichezza e a rendere i movimenti intestinali più facili e meno dolorosi. Le fibre aggiunte alla dieta possono includere alimenti come frutta, verdura, cereali integrali e legumi.
  5. Idratazione Adeguata: Bere molti liquidi, preferibilmente acqua, può mantenere le feci morbide e facilitare il passaggio attraverso l’intestino, riducendo così lo sforzo durante i movimenti intestinali.
  6. Evitare lo Sforzo Eccessivo: Evitare lo sforzo eccessivo durante i movimenti intestinali può aiutare a prevenire il peggioramento delle emorroidi. È importante ascoltare il proprio corpo e cercare di evacuare le feci in modo delicato e senza sforzo.
  7. Visita Dermatologica: nel corso di una visita dermatologica, il dermatologo può esaminare le emorroidi e valutarne la gravità. Questo può aiutare a determinare se sono necessari trattamenti aggiuntivi e quali opzioni potrebbero essere più adatte al caso specifico.
  8. Chirurgia Dermatologica: In alcuni casi di emorroidi gravi o persistenti, potrebbe essere raccomandata la chirurgia. Questo può includere procedure come la legatura elastica, l’escissione delle emorroidi o altre tecniche chirurgiche per rimuovere o ridurre le emorroidi. È importante notare che, sebbene la chirurgia per le emorroidi possa essere un’opzione efficace per alcune persone, viene generalmente riservata ai casi più gravi o persistenti di emorroidi che non rispondono ad altri trattamenti.

La maggior parte delle emorroidi da parto può essere gestita con trattamenti domiciliari e, se necessario, con la consulenza e la prescrizione di un dermatologo.

Nonostante ciò, è sempre consigliabile consultare un dermatologo esperto prima di iniziare qualsiasi trattamento per le emorroidi, specialmente durante il periodo delicato dopo il parto.

In alcuni casi, come già accennato, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per trattare le emorroidi più gravi o persistenti.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, le emorroidi da parto possono essere gestite efficacemente con trattamenti meno invasivi, permettendo alle donne di recuperare il più rapidamente possibile dalla loro esperienza di parto.