Skip to main content
Prenotazioni & info: 02.5492511info@ide.it

Cura dell’unghia incarnita

L’unghia incarnita è fonte di notevole disagio per chi ne soffre: infiammazioni croniche, infezioni, ascessi, granulomi che si riflettono sulla corretta postura del paziente con la difficoltà di individuare calzature idonee.

E’ una patologia molto comune dell’alluce; si manifesta quando la lamina ungueale nella sua parte laterale si incurva e penetra nel tessuto cutaneo circostante.

Questa evenienza comporta la comparsa di arrossamento e gonfiore della parte interessata accompagnata da dolore, prima alla pressione, poi continuo e talvolta pulsante. Questi fenomeni sono la conseguenza di infezioni batteriche acute che determinano la comparsa di ascessi e che tendono a cronicizzarsi provocando granulomi.

Lo specialista sarà in grado di intervenire efficacemente per risolvere il problema.

Domande e risposte sulle unghie incarnite

Cosa si intende con l’espressione “unghia incarnita”?

Quando si dice che un’unghia del piede è incarnita, significa che uno dei suoi angoli o lati è cresciuto nella pelle che lo circonda fino al raggiungimento degli starti più profondi, provocando in alcuni casi anche lesioni e ferite.

L’alluce è il dito del piede che ha più probabilità di essere colpito da un’unghia incarnita.

Nella maggior parte dei casi, la regione è almeno leggermente dolente e sensibile e c’è una possibilità di infezione in questa regione del piede, il che fa solitamente scattare l’allarme nella testa delle persone.

La maggior parte delle volte, le cause principali delle unghie incarnite sono riconducibili a vari fattori, tra i quali anche l’igiene, o purtroppo a volta, la fisiologia dell’unghia stessa del pazinete che è portata ad infettarsi.

Cura la tua unghia incarnita con la fenolizzazione a Milano.


Esempi visivi di cure delle unghie incarnite

Perché un’unghia può incarnirsi e come evitare che accada?

L’incarnimento dell’unghia può essere causato da scarpe strette o non adatte al piede che esercitano una pressione eccessiva, oppure dalla scarsa igiene o l’eccessiva sudorazione, che rendono la cute più fragile e quindi più aggredibile.

Spesso anche un errato modo di tagliare l’unghia causa questo problema. Tagliare l’unghia troppo corta o troppo rotonda, infatti, facilita l’incuneamento della lamina ungueale nella cute.

La prevenzione di questa patologia consiste nell’indossare calzature comode, non a punta, curare l’igiene e asciugare accuratamente il piede, imparare il modo corretto di tagliare l’unghia dandole una forma rettangolare e lasciando sporgere leggermente gli angoli laterali, evitando di strappare i bordi che si sfaldano.

Quando il problema esiste, evitare rimedi e interventi casalinghi ma ricorrere il prima possibile allo specialista il quale sarà in grado di effettuare una valutazione del problema e intervenire correttamente.


Clinica per unghia incarnita IDE a Milano

Anche se un’unghia che è cresciuta all’interno della pelle potrebbe non sembrare un grave problema all’inizio della patologia, è bene vedere il più presto possibile un podologo dermatologo se la condizione soprattutto provoca disagio o dolore, oppure se la stessa sembra infetta o si ripresenta spesso.

Presso la Clinica per la cura dell’unghia incarnita IDE di Milano, è possibile ricevere trattamenti specializzati per questa patologia, che a volte può sfociare anche in complicazioni di media importanza.

L’istituto dermatologico IDE può aiutarti a ottenere un rapido sollievo dal dolore, ripulire un’infezione ed evitare le unghie incarnite ricorrenti; per questo qualora sia necessario, occorre procedere nella rimozione chirurgica delle parti infette dell’unghia.

La clinica è facilmente accessibile da tutta l’area del centro e della provincia di Milano.

RICHIEDI OGGI STESSO UN APPUNTAMENTO PRESSO IL CENTRO PER UNGHIE INCARNITE IDE DI MILANO.

Curare l’unghia incarnita

Il metodo più efficace per curare l’unghia incarnita in modo definitivo è la fenolizzazione.

Questo intervento ambulatoriale innovativo si esegue in anestesia locale: è poco invasivo, poco doloroso e permette di correggere l’unghia in modo definitivo.

Lo specialista interviene asportando la parte di lamina che ha provocato il fenomeno assieme alla parte di matrice interessata e applicando in sede il fenolo ad alta concentrazione allo scopo di completare la distruzione della matrice stessa.

Inoltre, essendo il fenolo un forte disinfettante, permette di evitare al paziente l’assunzione di antibiotici nel periodo postoperatorio.

Un altro vantaggio di questo tipo d’intervento è che il paziente può camminare da subito utilizzando una calzatura aperta o un sandalo. L’unica avvertenza per il paziente è quella di tenere il piede in scarico per qualche giorno.


Altro esempio di cura dell’unghia incarnita

Consigli per evitare che le unghie si incarnino

Per evitare che le unghie dei piedi si incarnino più facilmente consigliamo sempre di tagliare i lati delle unghie dei piedi in linea retta.

Se le unghie vengono tagliate troppo corte o lasciate a livello di estremità arrotondate o frastagliate, è più probabile che diventino più taglienti e invasive per la pelle circostante.

Le unghie dei piedi incarnite possono anche essere causate da una serie di altri motivi, tra cui possiamo riscontrare:

  • Scarsa igiene
  • Calzature strette
  • Traumi delle dita del piede
  • Postura scorretta

La maggior parte delle unghie incarnite può essere trattata con successo a casa, rivolgersi a un centro di dermatologia per unghie incarnite diventa indispensabile solo in alcuni casi di media o alta intensità.

Non sempre è necessario fissare un appuntamento presso un centro specializzato in questo genere di patologie.

Tuttavia, se il dolore è notevole, i sintomi peggiorano o l’unghia sembra essere infetta, dovresti fissare un appuntamento presso la clinica dermatologica per unghie incarnite IDE il prima possibile.

N.B.: Poiché sono più inclini alle infezioni, i pazienti con problemi di diabete e altri con problemi di circolazione sanguigna,  devono farsi curare le unghie dei piedi incarnite il prima possibile.


Consigli per unghie incarnite di modesto livello

La maggior parte dei casi di unghie incarnite è piuttosto modesta e può essere trattata con semplici procedure di cura personale eseguite direttamente tra le mura di casa.

Se il paziente ha solo un piccolo caso di unghia incarnita, il dolore, il rossore e il gonfiore non saranno molto gravi e dunque subito identificabili.

In tal caso, sarebbe bene continuare con le misure seguenti fino a quando i sintomi non iniziano a migliorare, il che dovrebbe richiedere sino a quattro o cinque gg:

  • Dopo aver lavato il piede in acqua tiepida, e dopo averlo lasciato un po’ a mollo con detergente per nulla aggressivo per almeno 3  volte al dì.
  • tratta l’unghia incarnita con una pomata antibiotica reperibile in farmacia e avvolgila con una benda.
  • Cerca di tenere il piede libero da calzature opprimenti ogni volta che potrai.
  • Se il dolore persiste acquista un antidolorifico da banco, come l’ibuprofene o il paracetamolo.
  • Nel caso in cui si sviluppi un’infezione a causa di un’unghia incarnita, dovresti cercare assistenza medica il prima possibile, a questo punto possiamo entrare direttamente in gioco noi di IDE.

Attenzione ai sintomi gravi dell’unghia incarnita

Effettua una telefonata di emergenza se rilevi la fuoriuscita di pus dalla regione dell’unghia incarnita interessata, o se i sintomi diventano più gravi.

I nostri dermatologi esperti in unghie incarnite sono in grado di curare le unghie dei piedi incarnite in day hospital, indipendentemente dal fatto che siano gravemente malate o estremamente dolorose.

Se credi di avere un’unghia incarnita infetta, un medico potrebbe consigliarti di assumere antibiotici per un breve periodo di tempo, nel caso in cui l’infezione non migliori, potrebbe suggerirti di sottoporti a un intervento chirurgico per rimuovere la parte malata dell’unghia; ciò consentirà a un’unghia sana di crescere nella nuova sede.

Poiché si tratta di un semplice trattamento ambulatoriale che richiede solo un’anestesia locale, spesso il paziente può riprendere tutte le tue normali attività in pochissimo tempo (di solito un giorno).