chirurgia-estetica

 Un trattamento contro l’invecchiamento della pelle

Un aspetto spesso sottovalutato e poco conosciuto di questa terapia è che lo specialista che esegue il filler deve essere qualificato in maniera specifico, ci preme precisarlo perché è facile cadere in mani sbagliate.

Non si può parlare di filler senza spiegare che cos’è l’acido ialuronico.

Cos’è l’acido ialuronico, ecco perché la pelle invecchia

L’acido ialuronico è uno dei principali costituenti del nostro tessuto connettivo ed è la sostanza responsabile del tono ed elasticità della pelle.

La sua particolare struttura chimica lo rende in grado di mantenere l’idratazione, la plasticità e la viscosità del tessuto grazie alla sua capacità di legare le molecole d’acqua.

Le cellule preposte alla formazione di questa molecola complessa si chiamano fibroblasti.

Con il passare degli anni i fibroblasti rallentano la loro attività di sintesi e, in seguito alle più o meno corrette abitudini di vita, il collagene va incontro a degenerazione con perdita del tono e della consistenza cutanei, realizzando il fenomeno dell’invecchiamento.

Accanto all’invecchiamento cronologico, non modificabile e legato alle caratteristiche individuali del DNA, vi è l’invecchiamento indotto condizionato dalle nostre cattive abitudini: sole, fumo, alcool, alimentazione scorretta, affaticamento fisico sono solo alcuni dei fattori che ci fanno invecchiare precocemente.

Usare l’acido ialuronico per rallentare l’invecchiamento della pelle

La moderna dermocosmetologia ci viene in aiuto con l’acido ialuronico per rallentare il tempo e restituirci un aspetto più piacevole e consono alla nostra età cronologica, regalando luminosità, tono e compattezza alla nostra pelle. La possibilità di iniettare a livello del derma questa sostanza ci permette di apportare “materia prima” al tessuto sia per rinvigorire l’attività di sintesi collagenica dei fibroblasti sia per ridonare turgore ad un tessuto svuotato o per attenuare le tanto temute e aborrite rughe.

A seconda della complessità del materiale utilizzato (ossia della maggiore o minore compattezza della reticolatura della molecola) possiamo adattare l’uso dell’acido ialuronico alle nostre esigenze estetiche. Possiamo appianare le rughe, rendere le labbra più turgide e carnose, correggere il contorno del viso, migliorare le cicatrici sia da acne che traumatiche usandolo come filler, oppure semplicemente come rivitalizzante (biorivitalizzazione) per ridare alla pelle luminosità e tono.

Vantaggi portati dalle iniezioni di acido ialuronico

L’acido ialuronico offre grandi vantaggi in quanto, costituente principale dei nostri tessuti, è ben tollerato e non determina ( se non in casi rarissimi) reazioni avverse; inoltre essendo un materiale riassorbibile è anche sicuro: la capacità di permanenza nel tessuto è direttamente proporzionale alla complessità della reticolatura del prodotto utilizzato.

Modalità di svolgimento dei trattamenti a base di acido ialuronico e sintomi postumi

La durata del trattamento filler è di circa 20 minuti. Anche se il trattamento non è particolarmente doloroso, in alcune sedi si ricorre ad una anestesia locale per non arrecare troppo disagio al paziente.

Immediatamente dopo la seduta si evidenzia in sede di iniezione un arrossamento, dovuto al piccolo trauma dell’ago e alla reazione di dilatazione dei capillari oltre che un richiamo massiccio di liquidi nel tessuto che fa apparire la zona trasparente.