Il melanoma è un tumore cutaneo conseguente alla proliferazione maligna dei melanociti. Insorge in circa il 40-50% dei casi su un nevo melanocitico preesistente mentre nei casi restanti si sviluppa su cute sana simulando in un primo tempo un “neo”.

Molto più raramente si sviluppa sulle mucose visibili (bocca, genitali) o in sedi extracutanee (occhio, meningi, orecchio interno, apparato digerente, ecc.).

Considerato in passato un tumore raro, il melanoma è negli ultimi anni in continua espansione: oggi, in Italia, ha una incidenza di circa il 10-12 casi per 100.000 abitanti.

Il melanoma colpisce prevalentemente soggetti di razza bianca, con uguale distribuzione nei due sessi.

Le sedi più colpite sono il dorso negli uomini e gli arti inferiori nelle donne, mentre arti superiori e volto sono colpiti con uguale frequenza.

Eccezionale prima della pubertà, il melanoma è più frequente in soggetti tra i 30 e i 60 anni, più raro negli anziani. Sono considerati soggetti a rischio più elevato di melanoma coloro che presentano: storia familiare di melanoma cutaneo, pelle chiara, occhi chiari, capelli biondi o rossi, elevato numero di nei (superiore a 50), storia di ustioni solari importanti in età infantile, abitudine di lunga data all’esposizione ai raggi UV artificiali (lampade abbronzanti).

Contrariamente a quanto si credeva in passato, i traumi su un nevo, anche ripetuti, non costituiscono un fattore di rischio degenerativo.

 

SEZIONI MEDICHE
Chirurgia dermatologica e laser
Dermatologia generale
Nevi e Melanoma

PRESTAZIONI

RIMANDI
Nevo