Il Nevo Melanocitico è una neoformazione conseguente alla proliferazione dei melanociti cutanei.

I nevi melanocitici congeniti, presenti alla nascita, sono di grandezza molto varia. Si distinguono in piccoli (diametro inferiore a 1,5 cm), medi (da 1,5 a 20 cm) e giganti (sopra i 20 cm). Essi si sviluppano in modo armonico e proporzionale alla crescita del soggetto, mantenendo le stesse proporzioni iniziali. Sono un tipico esempio di amartoma. Rappresentano circa il 2% di tutti i nevi melanocitici.

I nevi melanocitici acquisiti sono molto frequenti. Sono presenti in numero variabile, da pochi elementi a centinaia, sulla cute di tutti i soggetti e sono un esempio di neoplasia benigna dei melanociti. Si sviluppano prevalentemente nei primi anni di vita con un picco in età puberale. Elementi isolati possono insorgere fino a circa 35-40 anni.

Nell’età avanzata gli elementi piccoli possono riassorbirsi e scomparire (regressione spontanea).

Il numero dei nevi melanocitici è sicuramente condizionato dalla fotoesposizione: per tale motivo sono localizzati prevalentemente in sedi fotoesposte (viso, petto, dorso, superficie esterna degli arti) mentre sono rari nelle zone poco esposte alla luce (glutei, lato interno degli arti, addome).

La loro forma e il loro colore sono molto vari: si distinguono infatti 9 varianti morfologiche di nevo e 5 “fenomeni” che possono insorgere su di essi modificandone l’aspetto.

La loro classificazione comporta esperienza e deve essere eseguita dallo specialista dermatologo al fine di accertare in primo luogo la loro benignità e, successivamente, la presenza di eventuali lesioni “a rischio” di evoluzione in senso maligno (melanoma): una visita specialistica a tal fine è consigliata a tutti dopo i 14 anni di vita, prima di tale età la visita dermatologica specialistica è raccomandata solo in caso della presenza di nevi congeniti.

SEZIONI MEDICHE
Chirurgia dermatologica
Visita specialistica dermatologica
Dermatoscopia

PRESTAZIONI

RIMANDI
Melanoma