Skip to main content
Prenotazioni & info: 02.5492511 – info@ide.it

Visita dermatologica nevi

Quando si parla di visita dermatologica di Nevi, intendiamo la visita che il dermatologo esegue sui nei.

I nei (nevi) sono chiazze cutanee presenti comunemente sulla pelle solitamente benigni e formati da un ammasso di melanociti, ovvero cellule che producono il pigmento.

Ad eccezione di quelli congeniti, presenti dalla nascita, i nei compaiono sul corpo di ognuno di noi durante il corso della nostra vita.

La corretta educazione ad una prudente utilizzazione della luce, sia solare che artificiale, è indispensabile per un’efficace azione preventiva per contrastare la comparsa di nevi e l’insorgenza di patologie gravi come il melanoma.

La maggior esposizione solare e la minore capacità filtrante dell’atmosfera, infatti, rendono più importante tenere sotto controllo i nei.

Nevi sulla gamba intervento Asportazione e eredi neoformazione sulla coscia possibile epitelioma controllo istologico per convalidare
Nevi sulla gamba intervento presso la Clinica IDE di Milano: asportazione e eredi neoformazione sulla coscia, possibile epitelioma controllo istologico per convalidare

Come si individuano i soggetti dermatologicamente a rischio per i propri nevi

Gli individui maggiormente soggetti allo sviluppo dei nei presentano peculiarità fisiche come pelle chiara e sottile, capelli biondi e occhi chiari, caratteristiche costituzionali di maggiore sensibilità alla luce, con facilità agli eritemi solari.

In particolare i soggetti più a rischio sono:

  • i bambini fino a 15 anni
  • i soggetti con pelle chiara capelli biondi o rossi e occhi chiari
  • i soggetti con un numero di nevi superiore a 10
  • i soggetti che abbiano avuto scottature solari

Sarebbe corretto per tutti sottoporsi ad una visita dermatologica di nevi, di tanto in tanto. Ma le persone appartenenti a categorie con le caratteristiche sopra elencate, dovrebbero farlo con maggiore frequenza.

E’ inoltre molto utile periodicamente, almeno 2 volte l’anno, controllare l’evoluzione della propria mappa dei nevi presenti sul proprio corpo.


 

Come si esegue un auto controllo della propria mappa dei nevi

Questo esame può essere preso in considerazione da chiunque, è un metodo sviluppato da esperti per mantenere in completa autonomia, la situazione dei nevi sotto controllo:

Approccio ABCDE per un autoesame preventivo del cancro della pelle

  • “A” indica l’Asimmetria: Tieni d’occhio i nei che hanno aspetti contrastanti su ciascun lato e che non sono quindi geometricamente simmetrici.
  • “B” indica i Bordi: quelli dei nei dovrebbero essere diritti e non irregolari.
  • “C” indica il Colore: i nei multicolore o con una distribuzione del colore poco regolare o una nuova tonalità nascente, occorrono essere segnalati al medico.
  • “D” è il Diametro: i nei che sono più grandi del diametro di una matita andrebbero segnalati.
  • “E” indica l’Estensione (o progressione del neo): occorre esaminare attentamente un neo per eventuali cambiamenti nelle sue dimensioni, colore, forma e spessore.

Attenzione a eventuali nuovi sintomi che possono comparire, come sanguinamento o prurito, da segnalare immediatamente al proprio medico di base o al dermatologo.

Per tranquillizzare un po’ il lettore: i nevi appaiono in un’ampia varietà di forme, ma nella maggior parte dei casi però non sono pericolosi. 

Sulla base di questo, è fondamentale mantenere comunque un attento controllo sui tuoi nei e notare eventuali cambiamenti, poiché questi potrebbero essere segni di un problema più grande. 

Non essere riluttante eseguire un controllo di routine per uno qualsiasi dei tuoi nei se sei preoccupato per la possibilità che possa rappresentare un problema.

Teniamo infine sempre presente che una semplice biopsia può eliminare la possibilità di cancro alla pelle.


 

La visita dermatologica di nevi specialistica

 Lo specialista dermatologo dispone di apparecchiature diagnostiche per la valutazione dei nevi.

Gli esami principali che lo specialista eseguirà saranno due: la dermatoscopia e la videodermatoscopia digitale.

Dermatoscopia.

Questa metodica utilizza uno speciale apparecchio, chiamato dermatoscopio, in grado di eseguire un’ osservazione del nevo ingrandita e poter valutare la sua morfologia, reale dimensione, colore e possibili anomalie strutturali.

Videodermatoscopia digitale

Questa tecnologia di ultima generazione permette di osservare la struttura del nevo e di fotografare e memorizzare la lesione per effettuare una valutazione comparativa ad un successivo controllo. Inoltre, consente una maggior precisione sulla natura e l’entità delle possibili modificazioni del nevo stesso.

Questi due esami permettono di evidenziare i nevi displasici: nevi che hanno caratteristiche morfologiche che si discostano da una normale struttura. Questo tipo di nevi deve essere asportato e sottoposto ad esame istologico (la presenza di eventuali melanociti atipici è un indice di pericolosità del nevo).

L’esperienza clinica dello specialista e l’utilizzazione delle due metodiche sono la migliore prevenzione contro il melanoma, un tumore della pelle ad alta malignità e invasività.

La tempestività della diagnosi e dell’intervento sono le condizioni che, di fatto, hanno migliorato la prognosi di questa malattia, una volta tanto temuta. La scoperta precoce di un melanoma superficiale porta l’indice di guarigione quasi al 100% dei casi.

L’importanza quindi del controllo nevi, soprattutto in età giovane, è garanzia di un futuro migliore.


Cosa sono esattamente i nei?

  • Per determinare la corretta natura di un nevo (o neo), occorrono:
  • Attenta Diagnosi
  • Un Trattamento
  • Riconoscere i segnali di pericolo

Essi sono indicati con il loro nome medico, che è nevi (singolare: nevo). 

Si dice che siano abbastanza comuni e che la maggior parte delle persone ne abbia tra 10 e i 50 sparsi in tutto il corpo; sono di fatto ammassi benigni di cellule pigmentate che possono formarsi sulla pelle, ma spesso assumono la forma di minuscoli granelli che possono essere anche marroni o rossastri.

Il neo cutaneo esiste attraverso un’ampia varietà di forme, ve ne sono alcuni che non faranno alcun danno, mentre altri sono più preoccupanti e assolutamente da curare.

I nei possono essere congeniti o acquisiti più tardi nella vita, soprattutto causati, nella maggior parte dei casi da danni procurati al derma dal sole.

Queste sovraesposizioni solari possono causare la comparsa di queste cellule in qualsiasi momento della vita di una persona, specialmente in età adulta.


Nevi dall’aspetto tipico e nevo congenito, come catalogare i nei

Un nevo presente alla nascita viene definito nevo congenito e, in generale, rientrano in una delle tre diverse categorie di dimensioni: minuscole, medie o grandi

Variano per tonalità, forma e consistenza e ognuno è unico, alcuni dei nei congeniti con cui si potrebbe nascere coprono una parte significativa, a seconda del proprio corpo.

Neo comune

Un nevo comune è un neo di colore completamente uniforme e sembra essere liscio e sferico; sebbene sia possibile nascere con questo tipo di nevo, la maggior parte delle persone non li sviluppa fino a tarda infanzia. 

Rappresentano di fatto escrescenze cutanee benigne, che possono essere piatte o a forma di cupola, il loro colore può variare dal rosa all’abbronzatura al marrone.

Neo atipico o displastico

Un neo innocuo che però potrebbe apparire a primo impatto visivo come un melanoma è quello indicato col termine “nevo atipico” o “neo atipico”, il quale può anche essere indicato come “nevo displastico“.

Potrebbero avere una varietà di sfumature o presentare un aspetto asimmetrico o avere bordi particolari. 

Gli individui che hanno nevi displastici hanno una maggiore probabilità di contrarre il melanoma.

Neo blu

Un neo blu è una specie di neo che potrebbe essere presente alla nascita o può svilupparsi più tardi nella vita, quello più comune può avere un aspetto piatto o a forma di cupola e la sua tonalità può variare da un blu grigiastro a un blu scuro.
Sono nei bluastri indicativi di certe origini etniche.

Nevo di Miescher

Visivamente è una sfera color pelle che assume la forma di una cupola e si manifesta più spesso sul viso o sul collo, il neo di Miescher è di una forma sferica, di solito è duro e ha una superficie liscia sulla quale potrebbe continuare a nascere peluria.

Neo di Meyerson

I nei circondati da un sottile anello di eczema, noto anche come eruzione cutanea rossa e irritante, sono noti come nevi di Meyerson

Avere una storia di eczema non è un prerequisito per la loro comparsa sulla pelle poiché chiunque può averli. 

Gli uomini hanno circa tre volte più probabilità di essere colpiti da questi nei.

Neo Unna

I nei Unna, sono nevi benigni che hanno un colore brunastro e sono simili nell’aspetto sferico ai nevi di Miescher. 

Sono comunemente visibili sul tronco del corpo del soggetto, sulle braccia e sul collo ed è inoltre possibile che assuma colori più scuri e forme diverse.

Neo alone

Neo che possiede una sorta di anello bianco di pelle pallida attorno ad esso è noto come neo alone: solitamente il neo marrone al centro inizia a diventare rosa, per poi scomparire del tutto, senza lasciare traccia alcuna.

Neo di Reed

Un nevo di Reed è caratterizzato da un neo marrone scuro o nero che ha una forma a cupola rialzata ed è più spesso osservabile sui soggetti di sesso femminile.

Questi nei hanno il potenziale per espandersi rapidamente e sono spesso confusi con i anch’essi coi melanomi.

Neo agminato

Un neo agminato è caratterizzato da un insieme di altri nei abbastanza simili tra loro e situati nella stessa regione del corpo: questi gruppi di nei possono presentarsi in una varietà di forme e aspetti differenti e confondersi con nei di altra natura.

Neo di Spitz

Solitamente i nei di Spitz emergono sul corpo di una persona da giovane.

I nevi di Spitz possono avere tonalità differenti, potrebbero anche sanguinare o perdere siero, pertanto potrebbe essere difficile distinguerli dai melanomi.


Trattamenti per rimuovere i nei della pelle a Milano

Il centro dermatologico di Milano IDE offre una serie di trattamenti preventivi o per la rimozione dei nei dal tessuto cutaneo.

Occorre sapere che vi sono alcuni fattori di base da tenere in considerazione, prima di decidere se rimuovere o meno un neo dalla propria pelle. 

A causa delle loro dimensioni e del luogo in cui vivono, alcuni nei possono risultare certamente molto fastidiosi. 

A causa del potenziale rischio di melanomi, l’asportazione dei nevi può essere necessaria esclusivamente sotto consiglio medico. 

N.B: Non è una buona idea provare a rimuovere un neo a livello autodidattico tra le mura di casa.

Il trattamento della rimozione di un neo sulla pelle può includere prima la rasatura dell’area, seguita da un successivo taglio chirurgico. 

Quando si ha a che fare con nei più grandi o potenzialmente maligni, un dermatologo consiglia spesso di tagliarli piuttosto che raderne la superficie. 

Si potrebbe aver bisogno o meno di punti di sutura, a seconda dell’estensione della regione da rimuovere questi verranno o meno messi dal chirurgo. 

N.B: Il cancro alla pelle non si evita eliminando tutti i nei presenti sul corpo.

N.B: Contattare subito IDE per qualsiasi neo che si sta sviluppando di recente e si espande rapidamente, o qualsiasi neo che cambi inaspettatamente forma o dimensione, oppure per qualsiasi neo particolarmente pruriginoso e qualsiasi neo che sanguini da solo senza essere ferito o apparentemente infetto.

Rimozione delle cicatrici post operazione al nevo

Le cicatrici post operatorie dei nevi sono inevitabili, specialmente dopo la rimozione chirurgica di un neo. 

Dopo che la ferita è guarita, le cicatrici post operazione al nevo possono essere trattate e rimosse con peeling chimici, trattamenti laser e altri modi per ridurre la quantità di pigmentazione che contengono. 

Segui i consigli diretti del dermatologo, ma sappi che probabilmente noterai ancora dei resti della cicatrice. 


Consigli su cosa fare riguardo ai nevi

Quando vengono notati nei o gruppi di nei strani, in rilievo, che si ingrossano o preoccupanti,  si consiglia di far esaminare quanto prima il nevo dal proprio medico di base, o meglio ancora, da un dermatologo se non si è chiari sul tipo di nevo con cui si ha a che fare.

In alcuni casi una biopsia cutanea, che può essere la linea da seguire per qualsiasi altro problema della pelle, può essere eseguita sul paziente se il medico nota che il nevo in questione sembra spostarsi, o se non si è sicuri esattamente di cosa sia. 

La biopsia è l’unico metodo che può confermare o smentire la diagnosi iniziale, oppure escludere definitivamente la presenza di qualcosa di più preoccupante alla pelle.

I dermatologi raccomandano un controllo della pelle una volta all’anno. 

A questo punto, esamineranno eventuali nei preesistenti alla ricerca di segni di alterazione, nonché qualsiasi possibile sviluppo maligno. 

Se noti cambiamenti alla tua pelle che ti preoccupano nel tempo tra i tuoi esami annuali, dovresti fissare un appuntamento con il tuo medico.

Biopsia per nevi, come si procede?

Per eseguire una corretta biopsia di un neo, il dermatologo preleverà un campione degli strati superiori della pelle, estraendo un campione di pelle per l’esame utilizzando uno strumento specifico. 

Questo campione include sia gli strati superficiali che quelli più profondi mentre invece nell’escissione, Il medico taglierà via l’intero neo e parte della pelle che lo circonda usando un bisturi.

Che tipo di cure dermatologiche si applicano ai nei?

La stragrande maggioranza dei nei non provoca alcun danno e non ha bisogno di essere curata. 

D’altra parte, se si ha un neo maligno o che ha il potenziale di trasformarsi in cancro, quasi sicuramente il dermatologo opterà per la sua rimozione completa.

Operazione che in certi casi può anche essere meramente estetica, quando al paziente non piace l’aspetto di un nevo benigno.

La stragrande maggioranza dei nei può essere eliminata con una biopsia rasata ad estrazione o con una biopsia escissionale (taglio netto del tessuto in eccesso). 

Se il nevo in questione è maligno, il medico probabilmente suggerirebbe di sottoporsi a una biopsia escissionale per assicurarsi che ci si liberi di tutto il tessuto compromesso.


Perché le persone hanno i nei?

I nei sono prodotti da una proliferazione anormale di cellule nella pelle, ma per stare tranquilli, semplicemente, una crescita anomala non sempre indica malignità. 

I nevi congeniti, spesso noti come voglie, sono presenti sulla pelle di alcuni individui sin dalla nascita. 

Lo sviluppo della patologia è possibile anche durante l’infanzia e i primi anni dell’età adulta. 

Più o meno, chiunque possiede nei, ed essi sono da considerarsi come una potenziale condizione della pelle, che può svilupparsi negli anziani a causa dei danni del sole e di altri fattori che accelerano il processo di invecchiamento.

A causa della possibilità che alcuni nei possano svilupparsi in escrescenze maligne mentre la stragrande maggioranza dei nei è completamente sicura, è essenziale chiedere il parere di un dermatologo se c’è un neo che causa preoccupazione.

Suggerimenti per mantenere bassa la nascita di nuovi nei 

Per mantenere bassa la nascita di nuovi nei è fondamentale prendersi cura della propria pelle, poiché influisce sulla salute generale ed è anche fondamentale ricordare che i nei fanno parte di essa.

Oltre a mantenere una routine di lavaggio e idratazione costante, dovresti sempre coprire la pelle con una crema solare, quando esponi il tuo corpo al primo sole, ma non solo a quello.

È importante non trascurare i nei sulla tua pelle poiché, hanno bisogno di una protezione ancora maggiore contro il sole.

Per pelli sensibilmente portate alla nascita di nuovi nevi, occorre sempre agire per mezzo di dispositivi di protezione completa dal sole.

Se sono stati rimossi dei nei, è essenziale che la pelle rimasta al posto del neo eliminato venga trattata con una cura amorevole e molto attenta.

L’uso regolare della protezione solare sulle cicatrici può aiutare a impedire che diventino più scure e più evidenti nel tempo.

È anche utile assicurarsi che la tua cicatrice sia sempre pulita e ben idratata. 

Se la ferita non è ancora completamente guarita, dovresti continuare a preservarla e applicare la vaselina. 

Massaggiare la cicatrice può aiutare a levigare la superficie rendendola più piatta.